Perché l’acqua è importante per i nostri corpi?

Il corpo umano è l’acqua del 60 per cento. Il tuo corpo sta perdendo l’acqua continuamente attraverso vari meccanismi fisiologici. Sudore, andare in bagno e anche respirare causare il corpo per perdere l’acqua. Senza ricostituire questa perdita, sia attraverso liquidi bere, assunzione di cibo o da misure più estreme come i liquidi per via endovenosa o l’alimentazione di tubi, possono verificarsi ripercussioni gravi. Confusione, diminuzione della pressione sanguigna, squilibri elettrolitici e aritmie cardiache sono sintomi di disidratazione primaria.

Tutte le cellule sono costituite in parte di acqua. Della composizione totale dell’acqua del 60% del corpo, due terzi di questo è intracellulare e un terzo è extracellulare. Questo è comunemente definito come la regola 60-40-20, il che significa che c’è una composizione dell’acqua del 60 per cento con 40 per cento intracellulare e 20 per cento extra-cellulare, afferma il Dipartimento di Fisiologia Molecolare e Biofisica presso l’Università del Vermont. Il fluido esterno delle cellule si trova principalmente nello spazio che circonda le cellule, il plasma circolante all’interno del flusso sanguigno, così come in altri fluidi come muco e agenti digestivi.

Il corpo richiede acqua per mantenere il volume di sangue e di altri fluidi. Quando più acqua viene persa rispetto a quella presa, può causare la disidratazione. La disidratazione cronica si verifica nel tempo e può derivare da una sostituzione inadeguata delle perdite giornaliere di acqua. La disidratazione acuta si verifica quando una grande quantità di acqua viene persa in un breve periodo di tempo e non sostituita. Ciò può verificarsi da sudorazione durante un esercizio fisico intenso o da diminuzione dell’assunzione di liquidi, vomito o diarrea durante la malattia. La disidratazione è un fattore nello sviluppo di pietre del rene, secondo l’Università di Arkansas.

L’acqua è necessaria per la dissoluzione e la dispersione di vitamine, minerali, glucosio, amminoacidi e altre sostanze nutritive. L’acqua contribuisce anche al processo digestivo. Aiuta a abbattere il cibo, aiuta nel movimento del cibo attraverso gli intestini e trasporta prodotti e tossine fuori dal corpo attraverso urine e feci.

L’acqua è essenziale per la regolazione della temperatura corporea attraverso la termoregolazione. L’ipotalamo dirige la termoregolazione, per mantenere una temperatura interna al resto di 36,5 a 37,5 gradi Celsius, o 97,7 a 99,5 gradi Fahrenheit, osserva l’Università del Nuovo Messico. Nel processo di evaporazione, i recettori della temperatura nella pelle trasmettono segnali all’ipotalamo per aumentare il tasso di sudore quando il corpo ha bisogno di raffreddamento. Poiché il sudore è costituito da acqua e elettroliti, ciò comporta un aumento della perdita di acqua.

Regola 60-40-20

Volume del sangue e del fluido

Il solvente universale

termoregolazione